Blog

  • 09
    Gen
    20

    atelier da sposa, catering manager, floral design, location per matrimoni, wedding graphic design, wedding photographer, wedding planner

    AAA cercasi: il budget questo sconosciuto (parte 1)

    budget marketing wedding business

    L’anno nuovo, si sa, è costellato di buoni propositi: spesso per una piccola attività indipendente c’è il bisogno di gestire meglio le risorse. Che non sempre vuol dire fatturare di più, ma anche amministrare meglio i soldi, capire dove vanno a finire e dove ha senso investirli.

    Vorrei tranquillizzarti, non siamo diventate esperte di soldi o coach che parlano di abbondanza. Ma vorremmo fare insieme un ragionamento che riguarda il marketing e i soldi.

    Perché la tua attività, per funzionare, ha bisogno di investimenti, e il marketing è una di quelle aree in cui c’è bisogno di spendere con intelligenza. Perché è decisamente finita (se mai è iniziata) l’epoca in cui internet è gratuito e libero: non lo è affatto.

    Partiamo dal fare un po’ di chiarezza: distingui quando fai una spesa per la tua attività e un investimento. La sedia di design è una spesa, il nuovo sito internet è un investimento (sta a te non farlo diventare una spesa). La sedia di design è utile a te ma non alla crescita della tua attività, quindi non porterà nessun ritorno diretto. Il vostro sito internet invece, se lo userai come strumento di marketing e comunicazione, sarà un importante canale di vendita.

    Detto questo, dovresti valutare qual é il budget che annualmente potete destinare al marketing. Se non sai da che parte partire, hai delle previsioni di crescita per il 2020? Se la risposta è no, prendi i mano i conti del 2019. Quanto hai fatturato, quanto hai investito nel marketing in proporzione?

    Se non sai nemmeno questo o sei all’inizio, sappi che è importante destinare un budget per ogni attività. Quindi, parti dall’elenco delle attività fondamentali, che sono spese direttamente imputabili al marketing e il cui costo hai sostenuto l’anno scorso o pensi di sostenere quest’anno, ad esempio:

    • fare o rifare il sito internet (stima: 2000 euro)
    • dominio e hosting (stima: 50 euro)
    • vetrina su Matrimonio.com (stima: 600 euro)
    • ristampa biglietti da visita (stima: 150 euro)

    Diciamo quindi 4.910 euro di investimento minimo nel marketing. È sufficiente?

    Considera che oscilli tra il 10 e il 20% del tuo budget totale annuale: ha senso per te? Sta in piedi? Ma ancora prima dovresti chiederti: questo è un anno di crescita per me, quanto ho stimato di voler spingere la mia attività?

    Se ho stimato di voler crescere un 30% rispetto all’anno precedente (anno in cui ho investito 4.910 euro ed era il 10% del mio budget totale annuo, direi che posso prevedere di investire più di 8.000 euro annui per il marketing).

    Torniamo ai nostri 4.910 euro di investimento minimo nel marketing e aggiungiamoci altri 4.000 di budget per il 2020. Totale investimento: 8.910 euro.
    Se ipotizzo di fatturare 63.830 euro (quindi il 30% in più del 2019), questo investimento è il 14% del mio budget dedicato al marketing. Che ne dite?

    Ora come faccio a suddividerlo nei mesi e nelle attività? Promettiamo di svelarti tutto nel secondo post sul tema della prossima settimana!

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Iscriviti

    e scarica “Abbiamo un piano!”,
    il nostro template scrivibile direttamente da pc,
    per un piano editoriale a prova di bomba!