Blog

  • 14
    Nov
    19

    atelier da sposa, catering manager, floral design, location per matrimoni, wedding graphic design, wedding photographer, wedding planner

    Cosa regalare e come (senza svendersi) ai clienti (e non solo)

    freebie Marketing wedding

    I regali che fate sono parte della vostra comunicazione: vi distinguono, fanno la differenza nei valori che comunicate e nel modo in cui approcciate al vostro cliente ideale. Un dono che funziona è un dono che parla di voi, che è utile alla persona che lo riceve e che svelta senza svendere il vostro servizio, che regala quella sensazione che si potrebbe avere lavorando insieme. Una volta, durante le fiere sposi, venivano sempre elargiti gadget, il più delle volte banali e autoreferenziali. Trasmettere utilità richiede comunque l’idea di lavorare sulle metafore e uscire dagli schemi. Ma a chi fare i regali e quanto investire in questi doni? Ecco 3 tipi di doni che puoi studiare, da personalizzare in base alla tua realtà:

    •  ai tuoi followers, siano sui social o altrove, regala il tuo tempo, uno spazio in cui rispondi alle loro domande, una rubrica, un appuntamento periodico in cui elargisci loro consigli. Il tema lo devi scegliere tu in base al tuo valore aggiunto, ma esserci è dimostrazione effettiva della tua disponibilità e della tua professionalità.
    • ai tuoi iscritti alla newsletter: oggi si parla tanto di funnel (hai visto che noi non ne abbiamo mai fatto menzione?) e si vendono libri scritti alla bell’è meglio per portarsi a casa una cosa che nel marketing è da sempre importante: un lead profilato, ovvero un contatto diretto (di solito mail) con informazioni salienti (es: data del matrimonio e dove si terrà). Quel famoso libro non è niente di più di un freebie, un dono che viene dato in funzione di quel contatto diretto. Nel momento in cui tutti propongono questo tipo di regalo, tu usa la tecnica ma personalizza il regalo, perché sia utile, diretto e soprattutto marchi il tuo valore aggiunto.
    • ai tuoi clienti: non serve molto, un biglietto scritto a mano con una frase che faccia capire che stai parlando proprio di loro, un dolce presente in un momento inaspettato, un messaggio per l’onomastico. A volte basta poco, ma quello che stai regalando è molto di più: è quella attenzione ai dettagli che tutti decantano ma pochi sanno portare fino in fondo. E che può fare la differenza?

    E tu nel tuo lavoro hai mai ricevuto un regalo che ancora oggi ricordi nitidamente? Chi te lo ha fatto e cosa diceva della persona che te lo ha fatto?

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Iscriviti

    e scarica “Abbiamo un piano!”,
    il nostro template scrivibile direttamente da pc,
    per un piano editoriale a prova di bomba!