Blog

  • 10
    Mag
    18

    floral design, location per matrimoni, wedding graphic design, wedding planner

    Identikit del tuo cliente ideale: come tracciarlo con successo

    Il cliente ideale, croce e delizia di ogni business. Nel caso di un wedding business, le domande possono moltiplicarsi. Un po’ come le ansie delle spose.

    È sempre corretto parlare solo alla sposa, quindi declinare la comunicazione al femminile? O sarebbe più appropriato parlare a entrambi, quindi al plurale?

    C’è molto di più, ovviamente. Il tono di voce, lo stile comunicativo, i canali da presidiare. Come faccio a sapere dove sono i miei futuri clienti, cosa pensano, come attrarli?

    Ecco a te 3 consigli per partire con il piede giusto!

    Capisci il tuo valore aggiunto

    Qual è il valore aggiunto del tuo lavoro? Cosa ti distingue dalle altre persone che fanno il tuo stesso mestiere? Ognuno di noi ha delle doti, umani e personali, che però mette anche in quello che fa. C’è chi è più bravo nella gestione dello stress, chi è particolarmente empatico e chi invece si caratterizza per un forte estro creativo. Qual é il dono che ti riconoscono più spesso i tuoi clienti, quello che fa la differenza? Il tuo obiettivo è capirlo, per attirare clienti che sappiano dare valore a quello che tu sai fare bene.

    Arrivano i clienti a cui stai comunicando

    Lo dicevamo sopra: i clienti che hai sono, in realtà, quelli a cui stai comunicando. Le parole che scegli di usare, il linguaggio e le immagini, tutto comunica loro. Se ne sei consapevole, puoi utilizzare questo per attirare a te i futuri sposi dalle caratteristiche più simili ai tuoi desideri. Se lo fai senza coscienza, attiri a te clienti casuali, magari non quelli che vorresti, che generano più frustrazioni che stress.

    Mettiti in ascolto

    Parti dall’ascolto. Dove conversano i tuoi clienti ideale? Forum, gruppi su Facebook, Instagram? Come si muovono, dove cercano informazioni? E che tipo di domande fanno a Google?

    Se dovessi metterti nei panni della tua cliente, da quando suona la sveglia la mattina (a che ora suona? perché suona a quell’ora?) a quando va a letto, sai dire com’è fatta la sua giornata tipo?
    Prova a scriverla, pezzo per pezzo, all’inizio come ti viene, e poi cercando di perfezionarla.

    Per farlo, intervista le tue clienti più affini, anche se all’inizio sono poche, e cerca di capire cosa interessa loro e come lo ricercano. Entra nel loro mondo, per scoprire come esserne parte!

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Iscriviti

    e scarica “Abbiamo un piano!”,
    il nostro template scrivibile direttamente da pc,
    per un piano editoriale a prova di bomba!